PAGAMENTI ELETTRONICI SEMPRE PIU’ DIFFUSI

 

 

PAGAMENTI ELETTRONICI SEMPRE PIU’ DIFFUSI

 

Nell’intento di ridurre sempre di più l’utilizzo del denaro contante il Legislatore ha introdotto negli ultimi anni specifiche disposizioni finalizzate alla diffusione dell’utilizzo degli strumenti elettronici di pagamento (art. 15 del DL n. 179/2012, c.d. “Decreto Crescita”). Ripercorriamo brevemente i principali passaggi di questo percorso di “dematerializzazione” del denaro:

 

-       dal 6 dicembre 2011 è stato introdotto il divieto di effettuare pagamenti in denaro contante in un’unica soluzione per importi pari o superiori ad € 1.000,00;

 

-       dal 1 giugno 2013 è stato introdotto l’obbligo, da parte delle Pubbliche Amministrazioni, di attrezzarsi per i pagamenti elettronici, a prescindere dall’importo delle operazioni;

 

-       a decorrere dal 1 gennaio 2014 i soggetti che effettueranno prestazioni di servizi, anche professionali, saranno tenuti ad accettare pagamenti effettuati attraverso carte di credito e bancomat.

 

L’ultima novità riguarda quindi tutti i prestatori di servizi ed, in particolare, gli studi professionali. Dal prossimo anno, infatti, tutti i professionisti dovranno dotarsi del “POS”, ossia del terminale utilizzato per accettare i pagamenti con carte di credito, carte di debito e bancomat.

 

Diffondendosi sempre di più l’utilizzo dei pagamenti elettronici, aumenterà progressivamente anche la visibilità dei flussi finanziari da parte dell’Agenzia delle Entrate. Ricordiamo, infatti, che le banche e gli altri operatori finanziari devono trasmettere periodicamente all'Anagrafe Tributaria tutti i dati relativi ai movimenti bancari dei correntisti: saldi di inizio e di fine anno, il totale dei bonifici in entrata e in uscita, il totale degli acquisti fatti con carta di credito e bancomat, i dossier titoli ecc…

 

In conclusione la diffusione dei pagamenti elettronici, unitamente al già noto “spesometro”, consentiranno alla Pubblica Amministrazione di creare nel tempo un database assolutamente completo e dettagliato di tutte le nostre entrate ed uscite finanziarie.

 

 

 

 

 

 

Riproduzione riservata © www.studionunziante.it

 

Leggi articoli correlati

Iscriviti alla nostra Newsletter